Mari Salvato


Pianista, fisarmonicista compositrice



Pianista, compositrice formatasi alla scuola di Eliodoro Sollima, Mari Salvato, nel 1984, incontra Astor Piazzolla e lo segue per molti anni,dall’Italia all’Argentina, diventando e restando l’unica allieva donna che egli abbia avuto. Al grande Maestro, M. Salvato, deve non solo la padronanza prodigiosa della fisarmonica - strumento di grande difficoltà tecnica – ma anche l’aver ereditato, rielaborandola, la lezione innovatrice apportata da Piazzolla, alla musica popolare argentina, attraverso la sua rielaborazione in chiave colta e raffinata.
Le composizioni e le esecuzioni che, sin dall’inizio della sua carriera, hanno caratterizzato il successo dei concerti di M.Salvato, se da un lato sono dovute alla sua straordinaria padronanza tecnica dello strumento, dall’altra affascinano e coinvolgono per la cifra sapiente con la quale la Salvato concepisce il suo insuperabile ricamo musicale, coniugando, con forza e passione, sulla trama della grande musica classico sinfonica – che è alla base della sua formazione – l’ordito di melodie ed armonie che affondano le loro radici nella cultura mediterranea, in tempi e luoghi lontani, in una storia che noi non abitiamo ma che silenziosa e condizionante ci abita.
Per queste specificità la sua attività ha sovente travalicato il mondo dei concerti diventando “spettacolo”, impegnandola, come compositrice, esecutrice ed attrice, in eventi teatrali che l’hanno vista protagonista accanto a GIORGIO ALBERTAZZI, DARIO FO, ARNOLDO FOA’, PAMELA VILLORESI, ANDREA CAMILLERI ed altri.
Nel 2004, con un Trio di fisarmonica ed archi, si è esibita con notevole successo, in Italia ed a New York, incidendo il CD dal titolo PASSIONI DEL SUD, dedicato alle musiche di Piazzolla, da lei orchestrate, ed alle proprie composizioni, in particolar modo a quelle realizzate per lo spettacolo BORGES IN TANGO, ideato e recitato da Giorgio Albertazzi, per la regia di Giovanni de Feudis. Dopo queste ed altre significative esperienze, comprese quelle di grande successo di pubblico raccolte con le sue molteplici partecipazioni da solista, in tutta Italia, alle varie edizioni di NOTTE BIANCA, la Salvato ha ampliato il proprio ensamble alla partecipazione di altri strumenti (oboe, corno inglese, percussioni etc. ) costituendo il nucleo di una sua Orchestra, dall’assetto variabile, con la quale si esibisce, dirigendola, e mantenendo il proprio ruolo di fisarmonicista e pianista, mentre, sovente, ad esaltare il fascino inquietante e sensuale dei suoi spettacoli, concorrono tangheri e poeti. Nel 2007, per l’Edizione di SIPARIO, è stato pubblicato il CD “MARI SALVATO IN CONCERTO “ Collection 1, interamente dedicato alla sue musiche. Nel 2008, presso la Chiesa di S.Antonio dei Portoghesi a Roma, viene pubblicato il terzo CD di Mari Salvato, dal titolo Pietre d’Isola.